Dukkokun

E unn'è il dukkokun, l'è il ridukkokun!

Tag: iOS

I buffoni dello sviluppo su Android.

by Dukko

Ok, forse il titolo è un tantino offensivo.

Mi riferisco alla notizia (qua riportata da Android Police) di abbandonare completamente Android come piattaforma di sviluppo.

In soldoni, non creeranno più app per i telefoni di Google.

Motivo? Assenza di profitti. Hanno dedicato il 20% del loro tempo impiegato nello sviluppo dei loro giochi su Android (Battleheart e Zombieville USA) ad aggiustarli per le diverse configurazioni, come schermi di dimensioni diverse, processori più o meno potenti, ecc. Il risultato? I loro profitti provenienti da Android sono il 5% di quanto incassano in totale.

Dal loro punto di vista, decisione ineccepibile: sviluppare per Android era un esercizio in perdita.

Come mai però non hanno avuto il successo che hanno avuto su iOS?

C’è un motivo, ed è semplicissimo.

SONO MESI CHE QUELLE DUE APP NON VENGONO AGGIORNATE.

Oh, ma guarda un po’. La gente non compra un prodotto che viene lasciato a marcire. Che sorpresona!

Non parlo di un mese o due di ritardo su aggiornamenti promessi.

IL NULLA PER NOVE-DIECI MESI.

Evitiamo di dare troppa importanza a questi buffoni, per piacere. Non è vero che su Android non c’è mercato: il problema è che su Android gli utenti sono SELETTIVI.

Simpatici. Però buffoni ugualmente.

E la merda che non viene aggiornata, non viene comprata.

Magari sto dicendo cazzate, no? È probabile.

Però la Kairosoft dimostra il contrario. Giochi di qualità, divertenti, costosi, che vendono come il pane.

Sono loro dei geni, o qualcun’altro è un buffone?

Annunci

Ice Cream Sandwich: questa sì che è una INTERFACCIA!

by Dukko

Best Mobile OS?

Uno per tutti, BB per nessuno.

Questo post di Lega Nerd, scritto da chi di UX, User Experience, ci capisce, sottolinea alcuni dei punti cardine dell’UX nei vari sistemi operativi e di come Android, con Ice Cream Sandwich, abbia preso il meglio quasi in tutto.

Questo commenter, però, sottolinea un aspetto molto importante, solo abbozzato nel post:

tutte le migliorie apportate (app drawer orizzontale, organizzazione dei menu impostazioni, folders personalizzabili etc.) sono state prese da varie rom e launcher sparsi. il bello dello sviluppo su android è che c’è talmente tanta pluralità che bene o male un’idea azzeccata la trovi. e.g.: io uso GoEx Launcher, l’ho configurato pulito, essenziale e minimale, come piace a me: ti offre la possibilità di scegliere come scorrere il drawer e io lo uso orizzontale già da molto tempo, per non parlare delle folder con le quali organizzo home screen e drawer. Lo stesso launcher, peraltro, ha la feature che evidenzia le app appena installate, marchiandole con un bollino “New”. Paradossalmente, lo puoi configurare talmente tanto da rendere tutta la home quanto più simile a MIUI (ma a me non piace), compresa di icone a tema. Quindi le migliorie si potevano avere prima in qualsiasi momento, ma il passo decisivo è sempre quello di implementarle nel pacchetto “base”.

È proprio questo il “bello” di Android. La possibilità di SCELTA fa sì che ci sia un modo di intendere la UX per tutti: MIUI per un’esperienza simile a iOS, Launcher 7 per un’esperienza Windows Phone 7, e una miriade di altri launcher e ROM varie.

Il passo importante, che Google per fortuna ha fatto, è di scegliere il meglio che ci sia e implementarlo direttamente nel LORO Android.

E ICS è l’emblema di tutto ciò: molte funzionalità sono state prese di peso da varie ROM e Launcher, modificandole e inserendole in un’ambiente comune.

È un comportamento da biasimare?

Non credo. Gli sviluppatori della comunità Android sono consapevoli che Google può prendere quando e come desidera idee da loro e sfruttarle per il proprio OS. Nessuno sta rubando niente, anche perché sono solo concetti, non implementazioni pari pari.

E il lavoro di Google è proprio questo: implementare i concetti in un’ecosistema logico. Con Froyo non ci sono riusciti. Con Ice Cream Sandwich? Decisamente.

Siri non funzionerà sui vecchi iPhone: ma dai?

by Dukko

La notizia è che Siri, il servizio di azioni vocali di Apple, funzionerà solo su iPhone4s e non su iPhone 4 o iPod touch.

Siri

Siri

Il fatto è che Siri, prove alla mano, funziona da dio su un iPhone 3GS (!) e su ogni altro modello più recente (o per meglio dire, scorre fluido ma viene bloccato dai server Apple).

Perché non sono scioccato?

Perché Apple non avrebbe alcun motivo, vista la propria politica aziendale, a rilasciare qualcosa del genere per i vecchi modelli. Il nuovo iPhone ha come feature principale Siri, nient’altro. Sarebbe un suicidio commerciale, per l’azienda, fare qualcosa di simile.

Certo, il gioco funziona perché ci sono ancora utenti che ragionano così:

I’m totally okay with this. Of course I’m biased because I own a 4S, but at the same time, we don’t need more people clogging the Siri servers. I haven’t seemed to have any problems connecting to the servers since the outage last week, however. So that’s good. Having Siri exclusively on my 4S does make me feel like I have that extra edge that other iPhones don’t. Just as I had to wait a year for an upgrade to have FaceTime on my iPhone, people can wait another year for Siri.

Avere Siri mi fa sentire come se avessi qualcosa in più rispetto agli altri utenti iPhone.

È un po’ triste, ma è il riassunto della filosofia Apple.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: