Dukkokun

E unn'è il dukkokun, l'è il ridukkokun!

Su Facebook, Google, la pubblicità e le cazzate.

by Dukko

Quante volte hai sentito dire: “Su facebook la nostra privacy è in pericolo!“, oppure “Google vende i nostri dati!“, o altre amenità sul genere?

Forse le hai dette pure tu, o le ha dette un tuo caro amico, un parente, e finisci per crederci.

Quel che penso io, invece, è che siano CAZZATE.

Sì, hai letto bene.

Sono cazzate.

La nostra privacy su Facebook non è in pericolo. Sai perché? Su Facebook non esiste il concetto di privacy. Facebook è una struttura sociale che mette in primo piano la condivisione dei contenuti, non il contrario.

Facebook ci permette di soddisfare il nostro bisogno primordiale di trasmettere la nostra conoscenza. È per questo che amiamo usarlo.

È banale, ma meglio esplicitarlo: non nego che spesso ci sia un abuso di questo strumento, ma la colpa non è dello strumento in sé.

Altra cosa: Facebook è una società per azioni. È quotata in borsa (o lo sarà tra poco, mi sono perso l’interessantissimo dibattito sulla quotazione in borsa del colosso sociale, chiedo venia). Il suo obiettivo è FARE SOLDI. E Facebook li fa vendendo spazi pubblicitari del tutto nuovi, che per le aziende di marketing sono la manna: pubblicità indirizzata all’individuo, non alla massa. E come fa Zuckerberg a fornire questa delizia pubblicitaria? Raccogliendo ogni singolo dato possibile sugli utenti. Google fa la stessa cosa, però in maniera diversa (e non mi dilungherò sulle tattiche utilizzate dai due colossi).

Quello che è importante, il motivo per cui ho bollato in quel modo colorito le affermazioni di prima, è altro.

È che quei dati, quelle informazioni così schifosamente private, noi le abbiamo regolarmente vendute.

Dietro il faccione di Facebook, c'è la corporazione. (© Sean MacEntee)

Non sono più soltanto nostre. Non è qualcosa di personale, nascosto all’occhio pubblico.

Quei Terms of Agreement, i Contratti, le Clausole che hai sicuramente accettato, sottoscritto, controfirmato, dicono proprio questo: “grazie per i tuoi dati. ecco a te un prodotto, in cambio“.

Scambiamo informazioni per prodotti. È così diverso dallo scambiare qualcosa (denaro) per ottenere altro?

Io ancora non sono spaventato da tutto ciò, perché bene o male Facebook, Google e tutti gli altri colossi della pubblicità sociale ancora non RICHIEDONO informazioni specifiche. Quello sì, quello mi spaventerà. Quando per registrarmi a Clegatrorz, il social network delle patacche, mi verrà richiesta la mia preferenza sessuale, le mie esperienze private, pena il non poter condividere le mie patacche preferite, a quel punto qualcosa si sarà rotto, qualcosa di fondamentale.

Ma per adesso, l’importante è preoccuparsi solamente di condividere solo ciò che vogliamo condividere. Non solo con chi è nelle nostre liste, o nelle nostre cerchie, ma con Facebook, con gli azionisti, con Google, con i pubblicitari.

Tutto il resto, sono cazzate.

 

Per approfondire l’argomento Social Network, e le conseguenze che può avere sulla struttura sociale della nostra società, non posso che consigliare un libro di Clay Shirky:

Uno per uno, tutti per tutti: il potere di organizzare senza organizzare” (formato Kindle)

Dateci un’occhio.

Ah, in passato ho scritto anche altro sulla questione Social Network e privacy (in un altro ambito, però). Se avete tempo, potrebbe interessarvi.

Annunci

I ♥ Kindle

by Dukko

Come in buona parte dei miei post, inizio con un link a Lega Nerd. Perché? Perché è una recensione migliore della mia, ed è quella che mi ha convinto a comprare il Kindle 4. (se vi interessa, potete comprarlo subito qua )

Ma procediamo con ordine.

Sono un discreto lettore di libri. Amo la carta stampata. Mi piace leggere parole scritte. Eppure amo il mio Kindle che ho appena scartato.

Ecco qua Eustachio, avido lettore di libri. Mi servirà come (quanto cazzo piace in questo periodo questa parola) contraddittorio.

“Eustachio, ho comprato il Kindle!”

“Sei deficiente.”

“No, ma perché? È bellissimo!”

“Sì, vabbè, ma vuoi mettere con la carta stampata? E poi è scomodo, meglio un libro! A che ti serve?”

“Sì, voglio mettere la carta stampata, caro mio. Perché leggere con un lettore e-ink è praticamente come leggere carta stampata. Prova a vedere, dai! Vedi? Non ha retroilluminazione, quindi non ti si affatica la vista!”

Notare il salvaschermo stiloso che non consuma batteria.

“Figo, quindi posso leggere anche per ore, mica col mio iPad che per leggere La Repubblica mi perdo un decimo al giorno.”

“Già. Poi dicevi che è scomodo. Guarda qua! Non pesa veramente un cazzo, ma nulla! Senti! Ed è anche comodo, ergonomico!”

“Mh, c’hai ragione. Comodi i tasti sia a sinistra che a destra per cambiare pagina, così io che sono stronzo e mancino non ho problemi! Però non è touch, come fai?”

I tasti scorrono le pagine, geniale!

“Esticazzi! Cosa mi serve il touch, ci devo leggere, mica navigare su internet, cliccare, tappare, cazzonesoioare, no? I tasti laterali bastano e avanzano per quel che conta, poi per il resto ci fai l’abitudine al D-Pad frontale, non è così scomodo alla fine, ricorda un po’ i vecchi mp3…”

O come i vecchi Gameboy! 😀

“Mh, ancora non mi convinci.”

“Toh.” Gli lancio in mano A Storm of Swords. “Questo ti pare comodo? È PESANTE E POCO MANEGGEVOLE. Proprio come il Kindle, no?”

“Simpatico.”

“Che poi non t’ho detto il meglio! Hai presente che sto leggendo Martin in inglese, no? Sai, Game of Thrones…”

WINTAH IS COMING!”

“eeeesatto. Ecco, gran bel libro, eh, ma a volte usa dei termini che cristodiddio nemmeno nel Signore degli Anelli li avevo mai visti.”

“Eh, e quindi?”

“E quindi nel Kindle c’è il dizionario inglese e di altre lingue integrato. Selezioni la parola col cursore e BAM! Definizione dell’Oxford Dictionary.”

“Mh. Quanto hai detto che costa?”

99€, Eustachio, una miseria in confronto agli altri eReader.”

“Torno dopo, devo passare a vendere un rene.”

Fate come Eustachio, comprate il Kindle, che è bello e profuma ed è poco caro e funziona bene.

2011 in review

by Dukko

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2011 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

A San Francisco cable car holds 60 people. This blog was viewed about 1.900 times in 2011. If it were a cable car, it would take about 32 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: