La vergogna

di Dukko

Oggi mi vergogno.
Mi vergogno perché un ragazzo della mia età può morire per montare un concerto.
Mi vergogno perché sono morte persone colpevoli solo di essere vittime dell’odio di una certa frangia politica.
Mi vergogno perché i primi due commenti sulla pagina di Casa Pound non sono di condanna dell’episodio, ma di discolpa, come se questo assassino non fosse stato influenzato dai discorsi di odio razzista e xenofobo.
Oggi mi vergogno.

Annunci