Ice Cream Sandwich: questa sì che è una INTERFACCIA!

di Dukko

Best Mobile OS?

Uno per tutti, BB per nessuno.

Questo post di Lega Nerd, scritto da chi di UX, User Experience, ci capisce, sottolinea alcuni dei punti cardine dell’UX nei vari sistemi operativi e di come Android, con Ice Cream Sandwich, abbia preso il meglio quasi in tutto.

Questo commenter, però, sottolinea un aspetto molto importante, solo abbozzato nel post:

tutte le migliorie apportate (app drawer orizzontale, organizzazione dei menu impostazioni, folders personalizzabili etc.) sono state prese da varie rom e launcher sparsi. il bello dello sviluppo su android è che c’è talmente tanta pluralità che bene o male un’idea azzeccata la trovi. e.g.: io uso GoEx Launcher, l’ho configurato pulito, essenziale e minimale, come piace a me: ti offre la possibilità di scegliere come scorrere il drawer e io lo uso orizzontale già da molto tempo, per non parlare delle folder con le quali organizzo home screen e drawer. Lo stesso launcher, peraltro, ha la feature che evidenzia le app appena installate, marchiandole con un bollino “New”. Paradossalmente, lo puoi configurare talmente tanto da rendere tutta la home quanto più simile a MIUI (ma a me non piace), compresa di icone a tema. Quindi le migliorie si potevano avere prima in qualsiasi momento, ma il passo decisivo è sempre quello di implementarle nel pacchetto “base”.

È proprio questo il “bello” di Android. La possibilità di SCELTA fa sì che ci sia un modo di intendere la UX per tutti: MIUI per un’esperienza simile a iOS, Launcher 7 per un’esperienza Windows Phone 7, e una miriade di altri launcher e ROM varie.

Il passo importante, che Google per fortuna ha fatto, è di scegliere il meglio che ci sia e implementarlo direttamente nel LORO Android.

E ICS è l’emblema di tutto ciò: molte funzionalità sono state prese di peso da varie ROM e Launcher, modificandole e inserendole in un’ambiente comune.

È un comportamento da biasimare?

Non credo. Gli sviluppatori della comunità Android sono consapevoli che Google può prendere quando e come desidera idee da loro e sfruttarle per il proprio OS. Nessuno sta rubando niente, anche perché sono solo concetti, non implementazioni pari pari.

E il lavoro di Google è proprio questo: implementare i concetti in un’ecosistema logico. Con Froyo non ci sono riusciti. Con Ice Cream Sandwich? Decisamente.

Annunci